Museo storico e il parco del Castello di Miramare

RDF
  • DESCRIZIONE Il Museo Storico e il Parco del Castello di Miramare è un museo autonomo statale del MiC. Situato nei pressi di Trieste, il Castello gode di una posizione panoramica incantevole; si trova a picco sul mare, sulla punta del promontorio di Grignano, a circa una decina di chilometri dalla città ed è circondato da un rigoglioso parco ricco di pregiate specie botaniche, sculture, fontane e laghetti, realizzato in simbiosi con la dimora. I profumi, i colori mediterranei e l’austera, abbagliante architettura si combinano a Miramare in una sintesi sorprendente tra arte e natura.Aperto tutto l’anno, il Museo Storico del Castello di Miramare, con il suo bellissimo Parco, è uno dei musei più visitati d’Italia. Il CastelloIl Castello di Miramare è un elegante edificio di colore bianco-avorio che sorge sulla punta di un promontorio carsico attorno al quale ha preso forma un florido parco.Realizzato in pietra d’Istria e in stile eclettico, su progetto dell’ingegnere austriaco Carl Junker, l’edificio fu costruito tra il 1856 e il 1860 come dimora dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo, fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe, e della sua sposa, Carlotta di Sassonia Coburgo-Gotha, principessa del Belgio. Il Castello di Miramare è una sintesi perfetta tra natura e arte, grazie anche alla presenza del mare, che detta il colore azzurro delle tappezzerie del pianoterra del Castello e ispira nomi e arredi di diversi ambienti.Il museo conta più di ventidue sale. Il pianoterra, destinato in origine agli appartamenti privati, presenta un carattere intimo e familiare, mentre il primo piano, contraddistinto dalle tappezzerie di colore rosso con i simboli imperiali, era quello di rappresentanza, volto alla celebrazione della casata degli Asburgo-Lorena e riservato agli ospiti illustri.Il ParcoIl Parco di Miramare, con i suoi ventidue ettari di superficie, è il risultato dell’impegnativo intervento condotto nell’arco di molti anni da Massimiliano d’Asburgo sul promontorio carsico di Grignano, in origine quasi del tutto privo di vegetazione. Per la progettazione, Massimiliano si avvalse dell’opera di Carl Junker e del giardiniere boemo Anton Jelinek; furono importati grossi quantitativi di terreno fertile e numerose varietà di essenze arboree e arbustive, moltissime delle quali di origine extraeuropea. I lavori furono costantemente seguiti da Massimiliano anche dopo il suo trasferimento in Messico, da dove fece pervenire un copioso numero di piante.Il Parco di Miramare, che nelle intenzioni del committente doveva essere una stazione sperimentale di forestazione e di acclimatazione di specie botaniche rare, è un complesso insieme naturale e artificiale, dove è possibile ancora oggi respirare un’atmosfera unica, intrisa di significati strettamente legati al rapporto fra uomo e natura che era proprio dell’epoca. Il Parco è caratterizzato anche dalla presenza di alcuni edifici destinati ad assolvere diverse funzioni. Oltre alle numerose, piccole strutture destinate in origine ad ospitare il personale in servizio a Miramare, si segnalano: il Castelletto, residenza saltuaria di Massimiliano e Carlotta durante l’edificazione del Castello, di cui in scala ridotta ne riproduce le fattezze; le Serre Nuove e le Serre Antiche, restaurate e destinate ad attività di sperimentazione in campo botanico; l’edificio adibito a Kaffeehaus, in fondo al parterre; le Scuderie, destinate un tempo ad ospitare cavalli e carrozze, oggi sede per esposizioni temporanee.Mostre 15 settembre 2022 - 30 giugno 2024Castello di Miramare ARS BOTANICA. Giardini di carta / Paper GardensLa biblioteca del Castello di Miramare rivela per la prima volta il suo scrigno di libri dedicati a botanica, fiori, piante e giardini. La ricca collezione libraria, consona allo spirito del XIX secolo, si riflette nel giardino vivente che circonda il castello. Creazione al contempo naturale, artificiale e artistica, il giardino dell’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo e della sua consorte Carlotta del Belgio incarna un ideale di perfezione, bellezza e relazione con la natura. La biblioteca botanica è un giardino su carta che guida a un percorso di sogno e meditazione ideato in un colto salotto aristocratico dell’Ottocento.  Ogni prima domenica del mese l’ingresso al Museo è gratuito.Per acquistare il biglietto on-line o prenotare una visita contatta CoopCulture, cliccando qui  Nota: La Direzione del Museo si riserva di chiudere totalmente o parzialmente il sito per ragioni eccezionali delle quali sarà data tempestiva comunicazione. Si comunica che quest’Istituto s’impegna per offrire al pubblico un orario di visita quanto più esteso possibile, nel rispetto dei criteri per l’apertura al pubblico, la vigilanza e la sicurezza dei musei e dei luoghi della cultura statali previsti dal D.M. del 30 giugno 2016, in attesa che vengano espletate le previste procedure concorsuali finalizzate al superamento delle attuali carenze organiche e al conseguente incremento del personale in servizio.

DOVE SI TROVA

indirizzo Viale Miramare (TS), Friuli-Venezia Giulia

orari di apertura Lunedì (09:00,19:00)|Martedì (09:00,19:00)|Mercoledì (09:00,19:00)|Giovedì (09:00,19:00)|Venerdì (09:00,19:00)|Sabato (09:00,19:00)|Domenica (09:00,19:00)

prenotazione Prenotazione facoltativa

contatti +39 040 224143

miramare.cultura.gov.it