allegoria della Vittoria come aquila

monumento ai caduti ad obelisco, post 1920 - ante 1924

Il monumento si configura come un assemblaggio molto equilibrato tra un'ara e un obelisco. La base irregolare è sottolineata in verticale dal doppio gradino e dal basamento, caratterizzzato da un corpo aggettante scolpito, posto al centro del prospetto principale. La decorazione a tralci d'alloro, nastri e spade scorre sui tre lati dell'ara, con un rimando all'antico e alla solennità classica. Al di sopra si innesta l'obelisco che alla base presenta una grande aquila in bronzo, dalle ali spiegate, come simbolo della Vittoria, circondata da una corona l'alloro. La lapidi che ricoprono il basamento riportano i nomi dei caduti nella Grande Guerra, seguendo un ordine cronologico e non alfabetico, mentre sul prospetto posteriore è inciso il Bollettino della Vittoria del 4 novembre 1918, firmato dal generale Armando Diaz. L'intera struttura è inglobata nella pavimentazione della piazza, incorniciata da una bordura a prato

  • OGGETTO monumento ai caduti ad obelisco
  • MATERIA E TECNICA bronzo/ fusione
    MARMO DI CARRARA
    pietra d'istria
  • MISURE Profondità: 3.15 m
    Altezza: 6 m
    Larghezza: 3.35 m
  • ATTRIBUZIONI Ongaro Massimiliano (1858/ 1924): progettista
    Franco, Angelo (1887-1961): scultore
  • LOCALIZZAZIONE piazza
  • INDIRIZZO Piazza Aldo Moro, San Stino di Livenza (VE)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Non si hanno precise indicazioni circa la data di inaugurazione del monumento anche se la firma dell'architetto Max Ongaro (deceduto nel 1924) colloca senz'altro l'opera prima di questa data, all'inizio degli anni '20. Ongaro fu direttore dell'Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti e poi Soprintendente a Venezia. Non si conosce una sua attività progettuale legata ai monumenti ai caduti, ma presso l'Archivio Storico della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per Venezia e laguna, sono stati rinvenuti alcuni schizzi, posti al verso di carteggi e minute, che raffigurano proprio monumenti. L'opera è stata sottoposta ad una pulitura da parte di volontari ed iscritti alle Associazioni d'arma, in accordo con l'amministrazione comunale di San Stino di Livenza. Dopo un energico lavaggio sono stati ritoccati tutti i nominativi per renderli ben leggibili e sono affiorati i nomi dei due autori: l'architetto Ongaro e lo scultore Angelo Franco
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0500690117
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso
  • DATA DI COMPILAZIONE 2016
  • ISCRIZIONI obelisco: prospetto principale - S. STINO/ AI SUOI CADUTI/ NELLA GUERRA/ 1915-1918 - capitale - a incisione -
  • DOCUMENTAZIONE ALLEGATA lettera (1)
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Ongaro Massimiliano (1858/ 1924)

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Franco, Angelo (1887-1961)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - post 1920 - ante 1924

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'