San Lorenzo in adorazione della Trinità

dipinto, (?) 1764 - (?) 1764

n.p

  • OGGETTO dipinto
  • MATERIA E TECNICA intonaco/ pittura a fresco
  • ATTRIBUZIONI Giovan Domenico Ferretti: esecutore
  • LOCALIZZAZIONE Montespertoli (FI)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE L'angelo, all'estrema sinistra in basso, sostiene, mostrandolo al fedele, lo stemma Acciaiuoli sormontato da cappello cardinalizio. Ciò fa ragionevolmente ritenere che l'opera sia stata commissionata dal cardinale Angelo Acciaiuoli, vescovo fiorentino nel 1764, allorchè fece ingrandire e restaurare la chiesa di S. Lorenzo che, fin dal suo sorgere, fu sotto il patronato della sua famiglia. Questa possedeva, infatti fin dal XIII secolo, molte terre in Val d'Elsa, ed era proprietaria del vicino castello di Montegufoni. L'autore dell'affresco è il pittore fiorentino Giovanni Domenico Ferretti, morto nel 1768. A convalidare tale attribuzione basti un confronto con il dipinto su tela, raffigurante "la Madonna che da l'abito a S. Simone Stock", conservato a Firenze nella galleria della chiesa del Carmine. La tela è il bozzetto, completo in ogni sua parte del soffitto della chiesa del Carmine, andato distrutto, asieme ad altri suoi lavori, nell'incendio ( il Ferretti al Carmine inizia nel 1775). Quasi identiche sono le figure, in alto, del Cristo, del Dio Padre e degli angeli posti in basso a sinistra. Uguale è anche l'idea della composizione a spirale, e del colore, dalle tinte tenui, tendente al monocromo
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente religioso cattolico
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0900000881
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la citta' metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza per i beni artistici e storici delle province di Firenze, Pistoia e Prato
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Giovan Domenico Ferretti

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - (?) 1764 - (?) 1764

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'