Bozzetto definitivo per il monumento ai fratelli Cairoli. bozzetto per monumento

scultura, 1867 - 1872
Ercole Rosa (s.severino Marche 1843/ Roma 1893)
S.Severino Marche 1843/ Roma 1893
  • OGGETTO scultura
  • MATERIA E TECNICA gesso patinato bronzo
  • ATTRIBUZIONI Ercole Rosa (s.severino Marche 1843/ Roma 1893)
  • LUOGO DI CONSERVAZIONE Palazzo delle Belle Arti
  • INDIRIZZO Viale delle Belle Arti 131, Roma (RM)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Rosa, subito dopo aver partecipato alla battaglia di Mentana nel 1867, concepì il gruppo dei fratelli Cairoli. Il monumento, eseguito in creta e tradotto in gesso a grandezza naturale senza ordinazione nel 1872, venne presentato al pubblico a Roma nel 1874, dove ottenne un premio di L. 5.000 ed il Giurì chiese fosse realizzato il monumento. Rosa avrebbe voluto realizzare l'opera in marmo a grandezza naturale, ma fu invece eseguita in bronzo (fusa dalla Fonderia Nelli, Roma) e collocata al Pincio nel maggio del 1883. La scultura, dal modellato rapido e dalle superfici sfaccettate, ancora più evidenti nel bozzetto in gesso bronzato, raffigura l'esito sfortunato della spedizione dei monti Paioli, organizzata il 23 ottobre 1867 da Enrico e Giovanni Cairoli con altri settantasei volontari per portare armi alla popolazione romana. La maggior parte degli uomini fu uccisa o fatta prigioniera dai soldati pontifici, Enrico, colpito da due pallottole, cadde a terra e fu finito a colpi di baionetta, mentre Giovanni, morirà due anni dopo a causa delle ferite riportate.Nel catalogo della vendita dello studio Rosa (cit. 1894), troviamo: n. 22 "Bozzetto originale per monumento Cairoli sul Pincio (terracotta)"; n. 39 "Enrico Cairoli. Busto in gesso, studio per il gruppo I fratelli Cairoli (M. 0,85); n. 51 "I fratelli Cairoli. Gruppo in gesso di grandezza naturale eseguito nel 1872 ". Fu premiato all'Esposizione di Roma del 1875 ed in quella nazionale di Napoli nel 1877. Modello originale del bronzo commesso all'autore dal Municipio di Roma, e collocato nella pubblica passeggiata del Pincio (M. 1,75)". Il bozzetto della GNAM non corrisponde a nessuno dei bozzetti descritti, ma dovrebbe essere il bozzetto definitivo da cui venne tratto il modello a grandezza naturale (cfr. Gramiccia 1981, p. 25). Il bozzetto in gesso a grandezza naturale venne presentato all'Esposizione Nazionale di Napoli del 1877 (cat., sala II, n. 102), dove ottenne giudizi contrastanti dalla critica. All'Esposizione Universale di Parigi del 1894 venne esposto (cat. N. 3103) il bozzetto "Le frères Cairoli, modèle du monument au Pincio, Rome", di cui però non è possibile l'identificazione mancando le dimensioni, una descrizione o una riproduzione
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Stato
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1200489056
  • NUMERO D'INVENTARIO 902
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
  • ENTE SCHEDATORE Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
  • DATA DI COMPILAZIONE 1995
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2011
  • ISCRIZIONI in basso a destra - Alberti -
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Ercole Rosa (s.severino Marche 1843/ Roma 1893)

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1867 - 1872

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'