La Bellona. allegoria della Vittoria

monumento ai caduti a fontana, 1935 - 1935
Francesco Jerace
1854/ 1937

vasca mistilinea modanata, sopraelevata rispetto al piano di calpestio della piazza, dal bordo della quale fuoriscono gli zampilli d'acqua, rivolti verso l'interno; al centro vi è una roccia di forma piramidale con piedistalli in marmo agli angoli, recanti sul prospetto frontale i nomi incisi dei caduti della prima guerra mondiale; in alto vi un carro armato sormontato dalla personificazione della vittoria, la quale con il braccio sinistro alzato tiene in mano un ramo di palma

  • OGGETTO monumento ai caduti a fontana
  • MATERIA E TECNICA PIETRA
    bronzo/ fusione
    Marmo
  • ATTRIBUZIONI Francesco Jerace
  • LOCALIZZAZIONE percorso viario
  • INDIRIZZO Corso Giuseppe Mazzini, Polistena (RC)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE Il monumento ai caduti di Polistena è opera di Francesco Jerace, il quale decise di realizzarlo gratuitamente per la sua città natale; venne inaugurato il 26 maggio del 1935 alla presenza del re Umberto di Savoia. La figura della Vittoria alata, è pressoché simile a quelle eseguite dallo scultore per i monumenti ai caduti di Cava de' Tirreni (1929) e di Sorrento (1926), in particolare le similitudini sono evidenti nell'impostazione generale della figura, nella capigliatura e nell'intensa carica espressiva del volto
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CONDIZIONE GIURIDICA proprietà Ente pubblico territoriale
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 1800154162
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Calabria
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Belle arti e paesaggio della Calabria
  • DATA DI COMPILAZIONE 2014
  • DATA DI AGGIORNAMENTO 2016
  • ISCRIZIONI prospetto frontale, sulla roccia, al centro - POLISTENA / AI SUOI / CADUTI / 1915-1918 - maiuscolo - a incisione - italiano
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

ALTRE OPERE DELLO STESSO AUTORE - Francesco Jerace

ALTRE OPERE DELLO STESSO PERIODO - 1935 - 1935

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'