Crocifissione

decorazione pittorica,

La Sala dei Fiamminghi, dalla pianta irregolare, è chiusa da un piano soffitto a travetti con decori verdi e rossi realizzati a stampino. Due dei tre accessi collegano l’ambiente alla Magna Domus - della quale è parte - mentre la terza soglia posta a sud si apre sul lungo corridoio del piano nobile del Palazzo del Capitano. Le pareti confinanti con la restante parte della Magna Domus sono intonacate, mentre i prospetti ovest (unico lato esterno affacciato su piazza Sordello) e sud mostrano la cortina in laterizi a vista. La stanza prende luce da una grande bifora collocata ad occidente, ricostruita in stile tardogotico nel Novecento (vedi scheda OA NCT 03 03267455). Entro una nicchia trilobata, sulla parete meridionale si conserva la rappresentazione ad affresco di una Crocifissione (si rimanda alle relative schede figlie per un maggiore approfondimento)

  • OGGETTO decorazione pittorica
  • MATERIA E TECNICA legno/ pittura
    intonaco/ pittura a fresco
    muratura/ intonacatura
  • AMBITO CULTURALE Ambito Italia Settentrionale
  • LOCALIZZAZIONE Complesso Museale di Palazzo Ducale
  • INDIRIZZO Piazza Sordello, 40, Mantova (MN)
  • NOTIZIE STORICO CRITICHE La Sala dei Fiamminghi o di Sant’Alberto (detta anche delle Lapidi) compresa nell’Appartamento delle Imperatrici, è collocata al piano nobile della Magna Domus. L’ambiente, incluso ancora all’inizio degli anni Novanta nel circuito di visita (Berzaghi 1992, p. 30) deve la denominazione principale agli arazzi fiamminghi che in epoca storica vi furono collocati. Sulla parete meridionale si conserva parte di quello che doveva essere un tabernacolo per la devozione privata, incassato entro una profonda nicchia nella muratura e certamente racchiuso da sportellini (restano tracce di cardini). L’interessante rappresentazione, probabilmente databile all’ultimo quarto del Trecento, mostra una Crocifissione con la Madonna e San Giovanni Evangelista, cui si accompagnavano quattro figure di santi dell’estradosso (quasi completamente perduti). La grande bifora che affaccia su Piazza Sordello fu ricostruita in stile tardogotico durante il ripristino del prospetto principale di Palazzo Ducale nel corso del Novecento: a partire dal 1898 l’architetto Achille Patricolo diede inizio ai saggi per rinvenire le tracce della facciata tardogotica obliterata dal massiccio intervento asburgico con l’apertura di finestre rettangolari (si vedano le numerose fotografie storiche pubblicate sul portale Lombardia Beni Culturali che documentano la situazione anteriore gli interventi, http://www.lombardiabeniculturali.it/). Dal 1906 prese avvio l’articolato progetto di restauro, poi concluso nel 1931 con la messa in opera dei poggioli da parte di Clinio Cottafavi (oltre alla tracce rinvenute nella muratura, come termine visivo di riferimento per la ricostruzione del prospetto medievale fu seguito il celebre dipinto di Domenico Morone, “La Cacciata dei Bonacolsi”, tutt’ora conservato nel museo). Paccagnini nella guida del 1969 riferiva l’apertura delle bifore tardogotiche alla volontà di Francesco I, ultimo capitano del popolo scomparso nel 1407. Il soffitto della stanza ha decorazioni a stampino indicativamente databili a tutto il XV secolo
  • TIPOLOGIA SCHEDA Opere/oggetti d'arte
  • CODICE DI CATALOGO NAZIONALE 0303267454-0
  • ENTE COMPETENTE PER LA TUTELA Palazzo Ducale di Mantova
  • ENTE SCHEDATORE Soprintendenza Belle arti e paesaggio per le province di Brescia, Cremona e Mantova
  • LICENZA METADATI CC-BY 4.0

BENI COMPONENTI

ALTRE OPERE DELLA STESSA CITTA'

ALTRE OPERE DELLO STESSO AMBITO CULTURALE