Castello di Amantea

a cura di Dalila Segoni, Veronica Santoni, pubblicato il 30/08/2022

Autore non identificato, Castello, VII-XIX secolo, Amantea (CS) - Calabria , Italia, 1800022776 Catalogo Generale dei Beni Culturali
Autore non identificato, Castello, VII-XIX secolo, Amantea (CS) - Calabria , Italia, 1800022776

È possibile affermare con particolare sicurezza che le origini di Amantea – splendida cittadina che sorge nella provincia di Cosenza – sono remote. Probabilmente, il suo territorio corrisponde all’antica città di Clampetia, fondata dall’arcaica popolazione dei Crotoniati; successivamente, quando i bizantini conquistarono la Calabria, rinominarono la città con il nome di Nepetia.

Verosimilmente, è da collegare al periodo normanno l’edificazione del castello i cui resti possono essere ammirati ancora oggi: il castello occupa il rilievo che domina la città di Amantea, sicuramente strategico per il controllo del territorio circostante.

È difficile stabilire con certezza l’aspetto che doveva avere il maniero, infatti è sopravvissuto non solo ad attacchi militari ed invasioni ma anche a potenti terremoti che nel corso del tempo, hanno irrimediabilmente danneggiato la costruzione. Alcune planimetrie redatte nel XVIII secolo, dimostrano che il castello era certamente costituito da imponenti mura difensive circondate da un fossato; inoltre, gli ambienti interni si sviluppavano attorno ad un cortile di pianta quadrangolare.

Cliccando è possibile visualizzare tutte le schede dall’Archivio storico delle schede di catalogo dell’ICCD Cliccando è possibile visualizzare tutte le schede dall’Archivio storico delle schede di catalogo dell’ICCD